DIRETTORI D’ORCHESTRA CERCASI
Arriva nel centro di Seregno un evento unico nel suo genere, aperto sia ai bambini che ai loro genitori: «Dirigi tu un’orchestra!». Giacinto Mariani: Un flash mob dedicato alla magia della direzione d’orchestra»

Dirigere un’orchestra è qualcosa che poche persone possono permettersi di fare. Anni e anni di studi al Conservatorio e una successiva scuola di specializzazione, permettono solo ai migliori aspiranti direttori di praticare la professione.

Nell’ambito dell’«oltrE il Pozzolino», BMradio (www.bmradio.it), con un flash-mob, darà la possibilità a tutti di dirigere per qualche minuto il Corpo musicale «Santa Cecilia» di Seregno.

Sabato 17 maggio, in piazza Vittorio Veneto, dalle ore 17.30, sarà posizionato un podio con un leggio e la bacchetta del direttore d’orchestra, a disposizione di chiunque vorrà cimentarsi, anche per scherzo, nel dirigere la sezione di fiati.

«Intorno al direttore d’orchestra – dichiara il Sindaco Giacinto Mariani – si intesse, da sempre, una forma di culto. Il direttore si muove in una sfera quasi “metafisica”. Le dita o la bacchetta s muovo nell’aria e “disegnano” musica. Sabato tutti, musicisti e non, potranno saliere sul podio e, con una bacchetta, provare a questa ricreare magia».

I musicisti, tutti i ragazzi della nota banda cittadina, saranno a disposizione del pubblico per eseguire alcuni brani del repertorio classico al tempo dato dal direttore.

«Avvicinare le persone al mondo della musica in modo coinvolgente, scherzoso e facilmente comunicabile online. Un modo nuovo per dare un respiro ancora più ampio ad una manifestazione internazionale». Queste le parole di Giorgio Bernasconi, direttore di BMradio, che ha proposto ed organizzato l’evento. Gli fa eco il «vero» direttore del Corpo musicale «Santa Cecilia», Mauro Bernasconi: «Un’ occasione per sentire come proprie due realtà culturali della città, con un evento ludico ma anche di grande impatto sociale: la musica come momento socializzante attraverso l’improvvisazione. Siamo certi di lasciare a testimonianza un bel momento condiviso da molte persone».

L’evento non ha una durata stabilita, ma sarà guidato dall’improvvisazione dei musicisti che risponderanno agli stimoli del pubblico.