di Angelo Chiodo

In arte Federico, ma in realtà il suo nome è Casanova Wong Kar Wai.
Si perché la sua vera natura non è quella di semplice “emigrato” che vive a Somerville nello stato del Massachusetts, ammesso che si possa definire semplice la vita dei nostri connazionali emigrati, ma di profondo conoscitore del CINEMA. Nello scrivere l’articolo mettiamo volutamente l’accento sulla parola “cinema” in quanto giovedì scorso, KJJ e il sottoscritto, si sono misurati con una forma di critica cinematografica diversa, matura, preparata e celebrativa… Celebrativa del cinema considerato meno importante da quella coltre di addetti ai lavori (e non) che rifuggono film d’azione, trash o affini e si trincerano unicamente dietro polpettoni pseudo intellettuali, alias: UNA CAGATA PAZZESCA (grazie Paolo Villaggio), per darsi un tono che, diversamente, non avrebbero…
i400calci irrompono su bmradio.it con energia portati dalla voce di Casanova e ci danno prova provata della passione profusa verso la settima arte portando spunti, riflessioni ma anche curiosità e un’analisi precisa di Russell Crowe, l’oggetto del desiderio della puntata. È un manzo ma ci piace; ha avuto alti e bassi ma ci è simpatico… insomma non ci si è risparmiati né con lodi né con rimproveri per chi, nel corso degli anni, si è costruito l’immagine da duro ma spesso con il cuore tenero e con, soprattutto, ideali forti (L.A. Confidential, Il Gladiatore, Man of Steel).
Russell Crowe e Casanova si avvicinano durante la puntata. L’australiano è rozzo nei movimenti ma è potente mentre l’italiano incassa bene ed ha tecnica eccellente, si confrontano e si parano l’uno di fronte all’altro con energia, rispetto tenacia…
Vince però Casanova che riesce a sdraiare anche noi presenti lì di fronte al microfono.
Grazie KJJ
Grazie Casanova
Grazie Russell
i400calci torneranno con noi nelle prossime puntate di GreenScreen.