di KJJ

«Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo… come lacrime nella pioggia. È tempo…di morire. »

C’eravamo lasciati con questo monologo indimenticabile, divenuto una delle scene più importanti della storia del cinema; recitato da Ruger Hauer ( il replicante Roy Batty) rivolto ad Harrison Ford ( il cacciatore di taglie Rick Deckard).

Blade Runner (1982) di Ridley Scott è forse uno dei film più famosi di sempre. Tratto dal romazo di Philip K. Dick “ il cacciatore di androidi” del 1968, il film racconta di una Los Angeles futuristica e dispotica nel 2019 dove gli essere umani hanno reso schiavi gli androidi (o replicanti). Una rivoluzione per il genere della fantascienza e fu una specie di avvertimento per il fenomeno della globalizzazione e l’immigrazione mondiale, attraverso un immaginario decisamente noir e poliziesco.

Il 5 ottobre esce nelle sale cinematografiche Blade Runner 2049.

Trentacinque anni dopo gli avvenimenti del primo film, il regista di Arrival e Sicario, Denis Villeneuve ci porta nuovamente in quel mondo che è diventato ancora più oscuro e pericoloso. Il protagonista è un giovane agente della polizia , l’agente K (Ryan Gosling), che in seguito a una inquietante scoperta che potrebbe far crollare la società intera nel caos, si ritroverà costretto a dover rintracciare l’agente Deckard/Harrison Ford, ormai scomparso dalle scene da diversi anni.

Tra i membri del cast troviamo anche Jared Leto, Robin Wright, Dave Bautista e Ana De Armas.

Per ora il film è già uscito negli Stati Uniti e ha riscosso un ottimo successo sia di pubblico che di critica. Per un costo di 185 milioni di dollari Blade Runner 2049 uscirà in Italia il prossimo 5 ottobre.

Qui di seguito alcune recensioni di testate giornalistiche mondiali, in pillole.

 Hollywood Reporter, “ il film offre lo shock dell’antico ed è un lavoro fatto talmente bene da scatenare nello spettatore un effetto narcotico come nella più rilassante vasca da bagno dalla quale non si vorrebbe mai uscire”.

Rolling Stones:” il film, trasportandoci in un mondo in cui la speranza e il tragico procedono di pari passo, provoca un piacere visivo che cresce a dismisura”.

Usa Today’s “è il miglior film dell’anno ed è più commovente dell’originale. Affronta la grande mitologia dell’identità, della memoria, della creazione e della rivoluzione ed è senza dubbio un capolavoro che ti chiede di essere rivisto”

The Guardian, lo definisce “staggering”, ossia “sbalorditivo”, oltre che “capace di unire insieme l’ironia, la tragedia e il romanticismo”.

blade runner bmradio2